La Bulgaria assume la Presidenza del Consiglio dell'Unione europea dall'1 gennaio 2018

BG-logo-2017

La presidenza del Consiglio è assunta a turno dagli Stati membri dell'UE ogni sei mesi. Durante ciascun semestre, essa presiede le riunioni a tutti i livelli nell'ambito del Consiglio, contribuendo a garantire la continuità dei lavori dell'UE in seno al Consiglio.

Gli Stati membri che esercitano la presidenza collaborano strettamente a gruppi di tre, chiamati "trio". Questo sistema è stato introdotto dal trattato di Lisbona nel 2009. Il trio fissa obiettivi a lungo termine e prepara un programma comune che stabilisce i temi e le questioni principali che saranno trattati dal Consiglio in un periodo di 18 mesi. Sulla base di tale programma, ciascuno dei tre paesi prepara un proprio programma semestrale più dettagliato.

Il trio di presidenza attuale è formato dalle presidenze estone, bulgara e austriaca.

Dal 1 di gennaio 2018, un decennio dopo la sua entrata nell'Unione europea, la Bulgaria ha assunto la Presidenza del Consiglio dlel'Unione europea per la prima volta.

Per sei mesi, dunque, sarà il principale motore per il raggiungimento degli obiettivi collegati all'agenda dell'Unione e cercherà di rispondere ai reali bisogni dei cittadini europei trasformando le sfide in opportunità.

Le priorità della presidenza bulgara sono ispirate al suo motto "L'unione fa la forza", che è anche il motto dello stemma della Repubblica di Bulgaria. La presidenza lavorerà con i suoi partner a favore dell'unità tra gli Stati membri e le istituzioni dell'UE al fine di fornire soluzioni concrete per costruire un'Europa più forte, più sicura e più solidale.

Nel corso dei prossimi sei mesi la presidenza si concentrerà su quattro settori chiave:

  1. Futuro dell'Europa e giovani attraverso la crescita economica e la coesione sociale
  2. Balcani occidentali
    Occorre adottare una chiara prospettiva europea e un collegamento tra i Balcani occidentali e gli Stati membri nel settore dei trasporti, dell'energia, dell'istruzione e digitale.
  3. Sicurezza e stabilità per un'Europa unita e forte 
  4. Economia digitale
    Nell'epoca delle tecnologie dell'informazione e comunicazione, ora più che mai costituisce conditio sine qua non per queste tecnologie l'opportunità che siano ampiamente introdotte a tutti i livelli del sistema di istruzione.

Per saperne di più sul Programma e sulle prioirità consulta il Sito della Presidenza bulgara